Mondiali: il tempo delle conferme

Tra poco meno di tre mesi, il mondo del calcio sarà in fermento! La tanto attesa Coppa del Mondo prenderà il via il 14 giugno in Russia. Da questa data, le nazionali in campo dovranno dare conferme della loro condizione negli stadi russi. Lo stesso varrà per le nazionali che non hanno brillato nella passata edizione.

Il Brasile, un serio candidato

Sono trascorsi quasi quattro anni dalla delusione della squadra verdeoro nella semifinale dei Mondiali 2014. Il Brasile, paese ospitante della scorsa edizione, ha perso 7 gol a 1 contro una squadra tedesca sensazionale, che ha sollevato poi al cielo la Coppa del Mondo nel 2014. Ma da allora, le cose sono cambiate. La squadra brasiliana  ha colmato il gap, è stato ritrovato uno spirito vincente ed è stato ottenuto un titolo olimpico nel 2016. I giocatori brasiliani si sono quindi logicamente qualificati per la fase finale del 2018 in Russia, e possono sperare di fare un ottimo percorso nella competizione. Neymar Jr, considerato come uno dei primi tre giocatori al mondo, è motivato e determinato a dare corpo e anima sul campo già dalla fase a gironi. Vincere la Coppa con il suo paese è il suo grande sogno e lo porterebbe ad avere grosse chance per vincere presto il Pallone d’Oro che aspetta da molto tempo. Inoltre, le quote dei bookmakers sulla Coppa del Mondo 2018 lo vedono come favorito per il titolo di capocannoniere.

L’Inghilterra, la volta buona finalmente?

Le fasi finali dei Mondiali per i giocatori inglesi non sono mai state un successo dopo la loro famosa vittoria nel 1966. Da allora, la formazione ora guidata da Gareth Southgate in fase di ricostruzione, non ha mai superato i quarti di finale. Nonostante gli ottimi giocatori chiamati in nazionale, brillanti nei loro rispettivi club, la squadra inglese ha difficoltà a trovare un’identità di gioco propria a se stessa che possa così imporsi nelle competizioni internazionali. I risultati spesso eccellenti ottenuti durante i playoff potrebbero tuttavia portarla al successo. Questo 2018, con il Mondiale in Russia alle porte, potrebbe essere finalmente il momento giusto per tornare al successo. L’Inghilterra, che possiede in rosa uno dei primi 3 marcatori europei per club, Harry Kane, troverà la maturità, l’efficacia e tutte le qualità necessarie per andare il più lontano possibile.

Il Portogallo la conferma?

Chi avrebbe mai pensato che il Portogallo sarebbe andato a vincere il titolo di campione d’Europa nel 2016? Poche persone lo immaginavano favorito e ancor meno vincitore nonostante la presenza di uno dei migliori attaccanti al mondo, Cristiano Ronaldo. Eppure la formazione portoghese è stata in grado di mostrare freddezza e carattere durante tutta la sua avventura. L’obiettivo per la Coppa del Mondo sarà quello di fare un altrettanto buon percorso e, perché no, di vincere il titolo massimo. La squadra sarebbe quindi considerata una grande nazionale, riconosciuta da tutti gli appassionati di calcio, allo stesso livello di Germania, Spagna, Brasile, Francia o Italia, grande assente dei prossimi Mondiali. Il capitano della squadra portoghese, vincitore del Pallone d’Oro per cinque volte, ha l’intenzione di portare i suoi compagni di squadra il più lontano possibile. Questa persona, CR7 per i fan, leader nella disciplina non è mai sazio di vittorie. Vincere questo prestigioso trofeo internazionale farebbe crescere ancora di più il suo palmarès. Tutti i  campioni europei in carica saranno in ogni caso da tenere d’occhio secondo i pronostici di Wincomparator sui Mondiali 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *