Tennis: Master Cup Londra 2016 senza due pezzi pregiati

novak-djokovic-masters-cup

Il Master ATP 2015 ha visto il ritorno sulla scena di uno dei più grandi della storia del tennis. Soltanto il numero 1 Novak Djokovic è riuscito a piegare Rafael Nadal e si è aggiudicato il torneo battendo anche Roger Federer, che lo aveva sconfitto nel match di apertura.

No Roger, No Rafa

Due dei semifinalisti della passata edizione hanno dato forfait. Molto triste l’epilogo di Federer, che ha deciso di non partecipare più ad alcun torneo dopo la semifinale a Wimbledon a causa dei problemi al ginocchio. Nell’ATP Race il campionissimo elvetico è solo quattordicesimo. Troppo affrettato il rientro dal lungo infortunio al polso: è l’opinione di Rafael Nadal, settimo nel ranking, ma che ha deciso di chiudere in anticipo il suo 2016.

I favoriti

Saranno Master Series all’insegna dell’incertezza. Djokovic, formalmente qualificatosi a Luglio, ha in Andy Murray un pericoloso rivale che punta ad un clamoroso sorpasso. Il britannico, che giocherà nella “sua” Londra, ha perso in finale con il serbo al Roland Garros e agli Australian Open, ma si è vendicato a Roma e Montreal e ha fatto suoi anche Shanghai e soprattutto Wimbledon e il Torneo Olimpico.

Gli outsider

L’outsider di lusso può essere Stanislas Wawrinka. Il vincitore degli US Open ha da tempo staccato il biglietto per Londra, mentre altri due lo hanno appena raggiunto. Uno è Kei Nishikori, che a Flushing Meadows ha raggiunto la semifinale, poi la finale del Master 1000 di Toronto e il bronzo olimpico. L’altro è Milos Raonic, nonostante i pessimi risultati dopo la finale di Wimbledon, uomo non da Master visto lo score contro i primi due del mondo di 0 vittorie e 7 sconfitte.

In lotta per la qualificazione

Per gli altri tre posti la lotta è apertissima. Ciascun giocatore ha a disposizione un Master 250 (Mosca, Stoccolma o Valencia), un 500 (Basilea o Vienna) e il succulento 1000 di Paris-Bercy, tutti i tornei in diretta live, ultimo appuntamento prima di Londra. Con la rinuncia di Nadal gli “aventi diritto” sono attualmente Gael Monfils, Dominic Thiem e Tomas Berdych. Il francese è sicuramente un tennista più maturo e ha più punti di tutti, ma al Master soffrirà la proverbiale allergia agli altri top ten. Il giovane austriaco ha più linfa nelle gambe ma anche più match e occorrerà verificare la sua tenuta fisica nel rush finale. Berdych ha appena trionfato a Shenzen ma è risaputa la sua incostanza nei risultati e soprattutto nella testa. Per sua fortuna un solo rivale è agguerrito: David Goffin ha da poco fatto suo il torneo di Tokyo e ha le carte in regola per far bene nei tre tornei che gli restano, soprattutto in Francia. Marin Cilic è stato piuttosto discontinuo quest’anno e ha uno storico appuntamento con la finale di Coppa Davis Croazia-Argentina. Pouille, Kyrgios e Zverev sono staccati ma sono tennisti molto giovani e promettenti e avranno possibilità di partecipare in futuro, mentre Tsonga e Bautista-Agut devono recuperare ben 500 punti.

Chiunque andrà al Master di Londra è avvisato: Novak Djokovic ed Andy Murray hanno le loro questioni da risolvere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *